Dispositivo e circuito dimmer

  • Strumento

In questo articolo, consideriamo un dispositivo che viene venduto nei negozi di elettronica, come un dimming della luminosità delle lampade ad incandescenza. Si tratta di dimmer. Il nome "dimmer" deriva dal verbo inglese "to dim" - per diventare scuro, per diventare oscuro. In altre parole, il dimmer può regolare la luminosità della lampada. Allo stesso tempo, è notevole il fatto che il consumo di energia diminuisca proporzionalmente.

I dimmer più semplici hanno una manopola per la regolazione e due cavi per il collegamento e sono utilizzati per regolare la luminosità delle lampade a incandescenza e alogene. Recentemente, i dimmer sono apparsi per regolare la luminosità delle lampade fluorescenti.

In precedenza, i reostati venivano utilizzati per regolare la luminosità delle lampade ad incandescenza, la cui potenza non era inferiore alla potenza del carico. Inoltre, con una diminuzione della luminosità, la potenza residua non è stata salvata in alcun modo, ed è stata dissipata come inutile come il calore su un reostato. Allo stesso tempo, nessuno parlava di salvare, semplicemente non esisteva. E tali dispositivi sono stati utilizzati dove veramente era necessario solo regolare la luminosità, ad esempio nei cinema.

Questo era il caso prima della comparsa di dispositivi a semiconduttore notevoli: un dinistor e un triac (tiristore simmetrico). Vedi: come funziona un simista e funziona. Nella pratica di lingua inglese, sono accettati altri nomi: diak e triac. Sulla base di questi dettagli, i moderni dimmer funzionano.

Connessione dimmer

Lo schema di accensione dimmer è tanto semplice quanto impossibile da fare. Si accende allo stesso modo di un interruttore convenzionale - nel circuito aperto dell'alimentatore del carico, cioè della lampada. In termini di dimensioni di montaggio e dimmer di montaggio è identico all'interruttore. Pertanto, può essere installato allo stesso modo di un interruttore nella scatola dei cavi, e l'installazione di un dimmer non è diversa dall'installazione di un interruttore convenzionale (Come sostituire l'interruttore di illuminazione). L'unica condizione che impone il produttore è osservare il collegamento dei cavi alla fase e al carico.

Tutti i dimmer attualmente in vendita possono essere divisi in 2 gruppi: rotativi o rotativi (con un regolatore - potenziometro) ed elettronici, o pulsanti, con controllo tramite pulsanti.

Quando si regola (dimmerando) con la manopola del potenziometro, la luminosità dipende dall'angolo di rotazione. Il dimmer a pulsante in termini di flessibilità di controllo è più flessibile. È possibile collegare diversi pulsanti in parallelo e controllare il dimmer da qualsiasi numero di posizioni. Naturalmente, questo è teoricamente, in pratica, il numero di posti di controllo è limitato a 3-4, e la lunghezza massima dei fili è di circa 10 metri, e lo schema può essere fondamentale per interferenze e interferenze. Pertanto, dobbiamo seguire scrupolosamente le raccomandazioni del produttore per l'installazione.

Ci sono anche dimmer remoti controllati via radio o infrarossi. Vedi: Illuminazione del telecomando.

Il prezzo dei dimmer con regolatore e pulsanti varia di un ordine di grandezza, dato che un dimmer a pulsante (ad esempio un dimmer Legrand) viene solitamente assemblato usando un microcontrollore. Di conseguenza, la rotazione dei dimmer è molto più comune, che considereremo di seguito.

Dispositivo e circuito del dimmer rotativo

Il dispositivo di un dimmer rotativo è molto semplice, ma può variare da produttori diversi. La principale differenza sta nella qualità dell'assemblaggio e dei componenti.

Lo schema dei controller triac è praticamente lo stesso ovunque, differisce solo in presenza di ulteriori dettagli per un funzionamento più stabile a basse tensioni di uscita e per un controllo regolare.

Circuito dimmer semplificato

Il principio di funzionamento del circuito dimmer è il seguente. Affinché la lampada si incendi, è necessario che il triac lasci passare la corrente. Ciò avverrà quando apparirà una certa tensione tra gli elettrodi del triac A1 e G. Ecco come appare.

All'inizio della semionda positiva, il condensatore inizia a caricarsi attraverso il potenziometro R. È chiaro che la velocità di carica dipende dalla magnitudine di R. In altre parole, il potenziometro cambia l'angolo di fase. Quando la tensione attraverso il condensatore raggiunge un valore sufficiente per aprire il triac e il dynistor, il triac si apre.

In altre parole, la sua resistenza diventa molto piccola e la luce è accesa fino alla fine della semionda. La stessa cosa accade con la semionda negativa, poiché il diak e il triac sono dispositivi simmetrici, e non si preoccupano di come la corrente li attraversa.

Di conseguenza, risulta che la tensione sul carico attivo è una "scheggiatura" di semionde negative e positive, che si susseguono con una frequenza di 100 Hz. A bassa luminosità, quando la lampada è alimentata da "pezzi" molto brevi di tensione, il flicker è evidente. Cosa non si può dire dei regolatori e regolatori reostato con conversione di frequenza.

Circuito dimmer orientabile

Questo è ciò che un vero circuito dimmer (dimmer) assomiglia. Ai parametri degli elementi viene data la variazione da diversi produttori, ma l'essenza non cambia. Triac nello schema pratico, puoi metterne uno, a seconda del carico di energia. La tensione non è inferiore a 400 V, poiché la tensione istantanea nella rete può raggiungere 350 V.

Dalla dimensione dei condensatori e dei resistori dipende dal punto di accensione iniziale, la stabilità della lampada. Con una resistenza minima del resistore rotante R1 si avrà una combustione minima della lampada.

Con un forte desiderio, puoi provare a fare un dimmer da solo. Ci sono un gran numero di schemi dimmer self-made diversi di diversi livelli di complessità. Maggiori dettagli sui circuiti dimmer fatti in casa possono essere trovati in una serie di articoli di Boris Aladyshkin su dimmer casalinghi - Come fare un dimmer con le proprie mani.

Come riparare un dimmer

In conclusione, alcune parole sulla riparazione dei dimmer. La causa più comune di guasto può essere il superamento del carico massimo consentito o del cortocircuito nel carico. Di conseguenza, di regola, il triac fallisce. Il triac può essere sostituito svitando il radiatore e scaricando il triac dalla scheda. È meglio mettere immediatamente un potente su una corrente e una tensione più alte di quelle bruciate. Inoltre, il regolatore non funziona o l'installazione è interrotta.

Il dimmer può essere utilizzato come regolatore di tensione, collegando attraverso di esso qualsiasi carico attivo - lampada ad incandescenza, saldatore, bollitore, ferro da stiro. Ma la cosa principale - la potenza dimmer (in altre parole, la corrente massima del triac) deve corrispondere al carico.

Come collegare un dimmer - istruzioni dalla A alla Z

Principio di funzionamento del dispositivo

Per prima cosa devi capire come funziona il dimmer. Il principio di funzionamento è quello di regolare continuamente la tensione applicata a una sorgente luminosa controllata, ad esempio un riflettore.

Dimmer fotografico dell'azienda Siemens

In poche parole, il dispositivo può cambiare la tensione che va al bulbo da 0 a 100%. Più bassa è la tensione in uscita, più si attenuerà la luminosità. Allo stesso tempo, ci sono diversi tipi di dimmer, che differiscono non solo nell'aspetto, ma anche da soli nel principio di funzionamento, vale a dire:

  • comando: ruota (girevole), pulsante (push), sensore (elettronico);
  • applicazione: alogena, fluorescente, sorgenti luminose a LED o lampade ad incandescenza;
  • funzionalità aggiuntive: timer, telecomando, inclusione di cotone, spegnimento regolare, ecc.;
  • costruzione: modulare (montato su guida DIN), monoblocco (montato a parete, come prese).

Quindi, ora prendiamo in considerazione i requisiti di base per l'installazione e il collegamento di un dimmer con le tue mani.

Requisiti per l'uso

Immediatamente si dovrebbe notare che i dimmer più semplici che vengono utilizzati in casa, possono essere utilizzati solo per controllare lampade ad incandescenza e alogeni. Se sono collegati a strisce LED e lampadine fluorescenti, entrambi i dispositivi si guasteranno in un breve periodo di tempo. Ecco perché è necessario scegliere i dimmer in base al tipo di lampadine che controlleranno.

I restanti requisiti per il collegamento di un dimmer sono i seguenti:

  • La potenza minima dell'apparecchio a cui verrà effettuata la connessione non dovrebbe essere inferiore a 40W. Se si ignora questo momento, la vita utile del regolatore si riduce notevolmente.
  • Si sconsiglia di installare il dimmer in una stanza in cui la temperatura è superiore a 25 o C. Il surriscaldamento del dispositivo influirà negativamente sul suo funzionamento.
  • È necessario rompere il conduttore di fase, che è collegato al connettore contrassegnato con L. È severamente vietato collegare lo zero, proprio come quando si collega un interruttore della luce nella versione standard.
  • Per regolare la luminescenza delle lampade fluorescenti, scegliere i prodotti con una designazione appropriata, che indica che la luce può essere utilizzata per la regolazione.
  • Se si decide di utilizzare un dimmer con lampade e nastri a LED, è necessario acquistare un dispositivo con un design speciale in grado di funzionare con una sorgente di luce simile. I produttori leader: Schneider, Legrand, ABB e Viko hanno nella loro gamma di tali modelli, ma il loro costo è molto più alto.
  • La potenza dimmer deve superare la potenza totale degli apparecchi che servirà. Ad esempio, se si decide di utilizzare 3 lampadine da 100 watt, è necessario selezionare la potenza del dispositivo con un margine di almeno 500 watt. Se la potenza totale degli apparecchi è superiore a 1 kW, in questo caso è necessario collegare in aggiunta un amplificatore con il quale è possibile mantenere il sistema di illuminazione fino a 1,8 kW.
  • Non collegare contemporaneamente carichi capacitivi e induttivi al dimmer.

Ecco tutti i requisiti a cui devi aderire per connettere correttamente il dimmer con le tue mani!

Diagrammi di collegamento

Prima di procedere all'installazione del dispositivo, è necessario selezionare il layout di cablaggio più appropriato. Oggi è possibile collegare un dimmer con e senza un interruttore della luce come elemento di controllo indipendente. Allo stesso tempo, è possibile installare contemporaneamente diversi dispositivi identici o addirittura utilizzare una combinazione con un interruttore pass-through. Considerare ogni schema in modo più dettagliato e determinare i meriti di tutte le opzioni.

Condizioni standard

In questo caso, è necessario collegare il dimmer autonomamente anziché lo switch precedentemente installato. Tutto è semplice: conduciamo una fase in cui si rompono e si mettono a terra e zero direttamente sull'apparecchio (se si utilizza una rete a 220 volt per tre fili).

Sul diagramma puoi vedere visivamente l'essenza di questo metodo:

Questa opzione è la più semplice e non ti richiederà molto tempo, specialmente se utilizzerai il vecchio strobe per il lavoro di installazione.

Con interruttore

Questo metodo è più conveniente per l'uso in camera da letto, perché sarà possibile accendere / spegnere la luce con un interruttore convenzionale e posizionare il dimmer vicino al letto, che consentirà di controllare la luminosità della luce senza alzarsi.

Doppio controllo

Per controllare la luminosità dell'illuminazione della stanza da due punti diversi, è possibile installare due dimmer e collegarli insieme ai jumper. Questa opzione è consigliata per l'uso in stanze spaziose e lunghi corridoi.

Un'altra opzione per controllare la lampada e la sua luminosità da più punti: l'uso di interruttori loop-through.

Lo schema di connessione dimmer in questo caso è simile a questo:

Dopo aver scelto lo schema di connessione dimmer più adatto alle proprie condizioni, è necessario passare alla fase finale - installazione del prodotto.

Lavori di installazione

In effetti, il dimmer della tecnologia di installazione non differisce dall'installazione di un normale interruttore della luce.

Se si dispone già di uno stroboscopio finito, a cui sono collegati i cavi della scatola di giunzione e dell'apparecchio di illuminazione, è possibile collegare un dimmer autonomamente come segue:

  1. Spegnere l'elettricità nell'appartamento.
  2. Installare la scatola di installazione nella rientranza.
  3. Fissiamo i fili nei corrispondenti terminali del case.
  4. Sistemiamo la custodia nello strobo.
  5. Spegnere le viti laterali per tenere il piedino premistoffa nelle pareti della scatola di montaggio.
  6. Fissare il telaio decorativo, girare il dado e avvolgere la ruota: il design è assemblato.
  7. Accendere l'elettricità e controllare la correttezza dei lavori elettrici.

Questa è la tecnologia utilizzata per collegare il dimmer e installarlo da solo. Come puoi vedere, non c'è niente di difficile in questo evento, la cosa principale è scegliere il giusto tipo di lampade e il modello del dispositivo! Anche i bollitori elettrici possono facilmente far fronte all'installazione, ma se ci sono difficoltà, è meglio guardare le istruzioni video fornite di seguito.

Interruttore luci con dimmer: dispositivo, criteri di selezione e revisione dei produttori

Nel tempo, gli elettrodomestici subiscono cambiamenti, diventando più sicuri e più confortevoli da usare. Relativamente recentemente, i dimmer, dispositivi che cambiano la potenza delle lampade, sono stati ampiamente utilizzati.

Una leggerezza speciale in uso ha un interruttore della luce con un dimmer - un dispositivo che non è praticamente diverso dal normale dispositivo.

Switch design con dimmer

Dimmer - un dispositivo speciale, il cui scopo è quello di regolare gradualmente il livello di illuminazione artificiale. Con l'aiuto di un dimmer, puoi trasformare una stanza creando un crepuscolo o riempendolo con un flusso di luce.

Il primo dispositivo, che aveva un principio meccanico di azione, fu brevettato negli anni 1890 negli Stati Uniti. Era usato per oscurare gradualmente la sala del teatro.

Una serie di opzioni per i dispositivi moderni è molto più ampia. Possono essere programmati per spegnersi automaticamente impostando l'ora su un timer o impostati per simulare l'effetto della presenza. Ciò comporta l'attivazione / disattivazione e la modifica della luminosità della luce per un certo periodo, ad esempio un giorno in base a una determinata modalità.

La distribuzione è stata anche ricevuta dalle opzioni di dispositivi che consentono il controllo remoto o vocale. Tutti questi dimmer si adattano perfettamente al sistema di "casa intelligente" e svolgono un ruolo importante in esso.

Modelli di interruttori dimmer

Il mercato del profilo ha una vasta gamma di modelli che possono essere classificati in base a vari criteri:

  • principio di funzionamento;
  • caratteristiche del design;
  • attrezzatura di regolazione;
  • compatibilità con lampade di diverso tipo.

Considera le classificazioni elencate in maggior dettaglio.

Dimmer per termostato e triac

In base al principio di funzionamento, tutte le apparecchiature possono essere suddivise in due grandi gruppi fondamentalmente diversi.

Dimmer basati su reostato

Inizialmente, i dimmer sono stati realizzati utilizzando un set di resistori. Modificando la resistenza con l'aiuto di una leva, era possibile regolare l'illuminazione. Con l'aumento di questo indicatore, la forza attuale è diminuita e la luce nella lampada si è indebolita. Al contrario, riducendo la resistenza, è stato possibile aumentare il flusso luminoso.

Tali dispositivi hanno un dispositivo sufficientemente semplice, ma a diversi produttori i dimmer differiscono a causa della qualità dell'assemblaggio e dei componenti utilizzati. Tale variabilità influisce sulla stabilità del lavoro (specialmente a bassa tensione) e sulla scorrevolezza.

I dimmer a reostato convertono l'energia luminosa in calore, quindi il loro uso praticamente non riduce i costi dell'elettricità.

Dimmer a base di triac

Un'opzione più moderna sono dispositivi realizzati sulla base di un triac (triac) - un dispositivo a semiconduttore.

Il principio di funzionamento di tali dispositivi è il seguente. Per accendere la lampada, è necessario che una corrente passi attraverso il triac, ovvero che sia necessario creare una certa tensione tra gli elettrodi. Ottenere ciò caricando il condensatore dal potenziometro R, mentre quest'ultimo cambierà l'angolo di fase.

Non appena l'indicatore di tensione sul condensatore raggiunge un determinato valore, il triac si aprirà, consentendo di passare attraverso la corrente. La resistenza del dispositivo allo stesso tempo cade, a causa di ciò che la lampadina brucerà più forte. Un processo simile è osservato con entrambe le semionde positive e negative. Ciò è dovuto alla simmetria del diac e del triac, per i quali non importa in quale direzione scorre il flusso di elettroni.

La tensione sul carico resistivo è un'alternanza di semionde positive e negative, che si alternano con una frequenza di 100 Hz. A causa di sezioni estremamente brevi a bassa tensione, possono verificarsi sfarfallio, mancanza dei dimmer a reostato e dimmer dotati di convertitori di frequenza.

Caratteristiche del design dei dimmer

Per caratteristiche di progettazione, esistono diversi tipi di dispositivi, i più comuni dei quali sono modulari, monoblocco e in scatola.

Dimmer modulari

I quadri di distribuzione sono solitamente dotati di questo tipo di dimmer. Tali dispositivi sono perfettamente combinati con lampade ad incandescenza e dispositivi alogeni dotati di trasformatori step-down.

Tali dispositivi sono controllati tramite una chiave o un pulsante. Facendo rapidamente clic su di essi, l'utente accende o spegne la lampada e tiene il dito per cinque o più secondi. ottiene l'opportunità di utilizzare la modalità di regolazione del flusso luminoso.

Dimmer per l'installazione in una scatola di installazione

Tali dimmer sono montati in scatole, che vengono utilizzati per interruttori e prese. I dispositivi possono essere combinati con lampade ad incandescenza e dispositivi alogeni, indipendentemente dal fatto che siano dotati di trasformatori elettronici o step-down, fornendo un carico capacitivo o induttivo.

Per controllare questo tipo di dimmer, è sufficiente un pulsante montato sulla parte superiore del dispositivo installato. Il dispositivo è installato nello stesso modo di un interruttore tradizionale con rigorosa polarità.

Dispositivi monoblocco e loro tipi

Tali dispositivi sono un'unità completa che viene installata nella scatola di cablaggio simile a un interruttore tradizionale. Per installare un tale dispositivo, è necessario prima occuparsi dello slot di installazione, il cui valore dipende dai parametri del dimmer (la gamma di dimensioni inizia da 26 mm).

I dimmer di questo tipo sono particolarmente consigliati per l'installazione in partizioni sottili, dove, a causa dello spessore insufficiente delle pareti, è difficile posizionare dispositivi convenzionali. La differenza dei monoblocchi della precedente categoria di dispositivi risiede nella connessione a due fili, a causa della quale è inclusa nella interruzione del circuito di carico di fase.

A sua volta, considerando il metodo di regolazione dei dispositivi monoblocco, si possono anche distinguere diverse varietà:

  • spingere e girare;
  • tastiere;
  • rotativo;
  • toccare;
  • remota.

Queste opzioni sono presentate di seguito.

L'accensione del calibro rotante viene eseguita premendo la manopola del tasto, mentre la sua rotazione consente di regolare il livello di luce.

Dimmer e compatibilità della lampada

Quando si scelgono i dimmer, è necessario prestare attenzione ai tipi di dispositivi di illuminazione per i quali sono destinati.

Per lampade a incandescenza e alogene, progettate per la tensione standard, si adattano a quasi tutti i dispositivi. È importante ricordare che quando la tensione diminuisce, il colore del flusso luminoso cambierà. A bassa tensione, ha una colorazione rossastra, che non è solo sgradevole, ma anche dannosa per gli occhi.

Per regolare i dispositivi alogeni a bassa tensione (12-24 V), sono adatti dispositivi compatibili con trasformatori step-down (RL). Se è previsto un trasformatore elettronico, si consiglia di dare la preferenza al modello dimmer contrassegnato C.

I dispositivi di controllo per sorgenti luminose a bassa tensione, di norma, sono dotati di meccanismi per l'attivazione / disattivazione graduale. È importante tenere presente che tali dispositivi sono particolarmente sensibili alle fluttuazioni della tensione di rete, il che può portare a un significativo periodo di riduzione del periodo di funzionamento.

I regolatori di luce per circuiti elettrici ad alta tensione sono spesso usati per controllare il livello di luminosità delle sale dei teatri. Poiché in questo caso c'è un notevole consumo di energia, è importante assicurarsi che il modello dimmer selezionato sia progettato per carichi pesanti.

Nella progettazione di interruttori con regolatori progettati per sorgenti luminose luminescenti, esiste uno speciale dispositivo di avviamento per la conversione della frequenza di alimentazione nell'intervallo compreso tra 20 e 59 kHz. Ciò consente di modificare i valori della corrente che scorre attraverso il circuito, che consente di influenzare il livello di luminosità delle lampade.

La base del funzionamento dei dimmer utilizzati per le lampade a LED, mette il metodo della modulazione della larghezza dell'impulso. La regolazione del grado di potenza del flusso luminoso viene effettuata modificando la durata degli impulsi di corrente che vengono alimentati ai LED con un'ampiezza regolata in modo ottimale. A causa dell'alta frequenza degli impulsi che raggiungono 0,3 MHz, lo sfarfallio delle lampade, che influenza negativamente la visione, viene eliminato.

Marcatura dei dispositivi di controllo della luce

Per conoscere le caratteristiche dei dimmer e la loro compatibilità con vari dispositivi di illuminazione, è possibile utilizzare le marcature, che vengono applicate a dispositivi simili.

  • La lettera latina R applicata al dimmer suggerisce che può essere utilizzata per regolare la luce in lampade ad incandescenza con carico "Omnum" o "resistivo".
  • La designazione della lettera L consente di lavorare con trasformatori che riducono la tensione e il carico induttivo.
  • La lettera latina C indica che il dispositivo può essere combinato con trasformatori elettronici (carico "capacitivo").

Un'icona speciale che indica che la luce è stata regolata è anche posizionata su lampade fluorescenti ea risparmio energetico.

Vantaggi e svantaggi dei dimmer

I vantaggi dei vari tipi di interruttori con regolatori includono l'avvio graduale del sistema di illuminazione, che può aumentare significativamente la durata dei dispositivi di illuminazione (il periodo di funzionamento delle lampade a incandescenza in questo caso aumenta al 40%).

Tali dispositivi creano possibilità illimitate per la decorazione d'interni. Con il loro aiuto, è facile eseguire un'illuminazione puntuale della zona selezionata, per creare interessanti dipinti di luce. Un dimmer di qualità importante è anche la capacità di controllare le sorgenti luminose da remoto o utilizzando i suoni.

Tuttavia, tali dispositivi presentano anche i loro inconvenienti. I dimmer possono essere utilizzati solo per controllare le sorgenti luminose la cui potenza corrisponde a quella di un dispositivo. A causa delle caratteristiche della tensione di uscita, i trasformatori step-down potrebbero non funzionare correttamente.

I dispositivi possono causare interferenze elettromagnetiche che interferiscono con il funzionamento della radio e di altri dispositivi. Alcuni tipi di lampade (specialmente equipaggiate con dispositivi aggiuntivi - alimentatore elettronico, driver) in linea di principio non possono essere combinati con i dimmer. L'efficienza dei dimmer quando si lavora con lampade ad incandescenza è piuttosto bassa. L'abbassamento della luminosità delle lampade ha scarso effetto sul consumo di elettricità, che invece di luce si trasforma in calore.

Tre diagrammi di connessione di base

I dimmer sono integrati nell'interruzione del circuito di alimentazione, che consente a questi dispositivi di regolare la tensione applicata ai dispositivi di illuminazione. In questo caso, ci sono diversi schemi di installazione possibili.

Un'opzione tipica, che è particolarmente raccomandata per il collegamento di reostato e dispositivi sensoriali, è un dispositivo controllato da un posto.

Le camere da letto spesso usano la regolazione da due posti. In questo caso, un dispositivo è montato sul letto, l'altro è collegato all'ingresso, il che consente di cambiare la luminosità della luce, sdraiata a letto.

Lo schema universale presuppone la regolazione da un posto e la gestione - da due. In questo caso, un interruttore è installato all'ingresso, mentre i dispositivi di controllo si trovano in due aree diverse della stanza.

In stanze spaziose (specialmente di forma allungata) si consiglia di applicare uno schema in cui anche la regolazione viene effettuata da un posto e il controllo - da tre. In questo caso, è consigliabile utilizzare dimmer passanti che consentono di accendere la lampada in una certa area della stanza, allo stesso tempo spegnere i dispositivi di illuminazione in altre aree.

Opzioni di connessione del regolatore

Prendi in considerazione alcune delle opzioni più popolari per il collegamento dei dimmer: direttamente allo switch, al tipo integrato e con un pulsante remoto.

Dimmer si connette allo switch

Per eseguire l'installazione richiesta per disattivare la corrente elettrica. Avendo convinto che non si ottiene sulle spine del dispositivo, è necessario rimuovere l'interruttore. Prima di tutto, il coperchio dello strumento viene rimosso (tastiera singola o doppia) che copre gli elementi di collegamento.

Quindi le viti per il fissaggio sono allentate, dopo di che la struttura viene accuratamente estratta dalla parete. È necessario monitorare l'integrità del rivestimento isolante dei fili. In caso di rottura accidentale, è necessario arrotolare immediatamente il nastro danneggiato per l'isolamento. Il passo finale è scollegare i fili dai terminali.

Quindi è possibile installare il dimmer. I fili sono collegati ai terminali del dispositivo, quindi gli elementi di fissaggio sono controllati per la loro durata. Va notato che la parte del filo che sporge oltre il terminale non deve essere più di 0,3 cm di spazio, l'estremità in eccesso può essere tagliata o isolata.

Senza danneggiare l'isolamento dei fili, posizionare il dimmer nel punto in cui si trovava l'interruttore. Il dispositivo viene premuto contro il muro e fissato con viti. Tutte le altre parti della struttura sono anche collegate al dimmer.

Dopo aver completato il lavoro, è necessario accendere la corrente elettrica e provare il processo di regolazione della luce per verificare il corretto funzionamento del dispositivo.

Collegamento dell'interruttore con il dimmer integrato

In vendita puoi trovare spesso interruttori, il cui design comporta un elemento integrato che regola la luminosità della luce. La loro installazione non differisce dall'installazione di uno strumento convenzionale.

Un interruttore è inserito nel foro appositamente realizzato nella parete, da cui è stato precedentemente rimosso il coperchio superiore. Il design è collegato al cablaggio e imbullonato. Come nel caso precedente, è necessario monitorare la qualità del lavoro: dopo aver acceso l'elettricità, il dispositivo dovrebbe consentire di attenuare l'illuminazione.

Collegamento del dispositivo con il pulsante remoto

È molto conveniente per la camera da letto collegare il dimmer contemporaneamente con un semplice interruttore, mentre un dimmer è installato vicino al letto per regolare il livello di illuminazione direttamente dal letto.

Il set di tale dispositivo include pulsanti di controllo aggiuntivi che possono essere installati a una distanza massima di 50 metri dal regolatore.

Per il montaggio del dispositivo, il cavo di fase viene fornito al terminale del regolatore №1 e ai primi terminali dei pulsanti del telecomando. Dai secondi terminali dei pulsanti del telecomando il filo viene trasferito al terminale B del regolatore. Il carico è collegato al morsetto n. 2 del dimmer e al filo neutro N.

I principali produttori di dimmer

Gli interruttori che hanno la funzione di regolare la luce, sono inclusi nei cataloghi di molte aziende specializzate nella produzione di apparecchiature elettriche. Ne citiamo solo alcuni.

Schneider Electric (Francia). Società di ingegneria energetica, fondata nel 1836. I dimmer di marca (Unica, Merten) si distinguono sia per la buona qualità costruttiva sia per il design sorprendente (forma snella, ampia gamma cromatica), grazie al quale fungono da decorazione d'interni.

Teco. La società ceca Teco ha iniziato le sue attività nel 1919, iniziando la produzione di apparecchiature per telegrafia e telefonia. Attualmente è il produttore leader mondiale di sensori, pulsanti tattili e dispositivi simili. Un ampio spazio nel catalogo è dato ai dimmer, che affascina con una combinazione di prestazioni eccellenti e costi accessibili.

Jung. Un'azienda tedesca di proprietà familiare con oltre un secolo di storia offre una vasta gamma di prodotti elettrici e attrezzature specialistiche, compresi i dimmer. Per tutti i prodotti dell'azienda, sono caratteristici parametri tecnici elevati, funzionalità, qualità costruttiva eccellente e componenti usati, nonché design verificato.

Legrand. L'azienda francese, fondata nel 1886, è attualmente leader nella produzione di apparecchiature elettriche. I prodotti dell'azienda sono utilizzati per scopi domestici e industriali, è anche dotato di edifici per uffici. L'azienda presta grande attenzione allo sviluppo di tecnologie innovative, conducendo una propria ricerca. L'azienda produce modelli di dimmer ad alta tecnologia che si adattano perfettamente ai sistemi "Smart Home".

Gira (Germania). La società tedesca costituita nel 1905 ha attualmente uffici in 37 paesi in tutto il mondo, inclusa la Russia. L'azienda è caratterizzata da una rapida risposta alle richieste dei consumatori. Per raggiungere questo obiettivo, l'instancabile monitoraggio del mercato principale, nonché la produzione esistente e la base scientifica. I dimmer prodotti dall'azienda sono caratterizzati da un design classico universale e qualità impeccabile, che garantisce un utilizzo a lungo termine.

Inoltre, il mercato include anche modelli di qualità di altri marchi, ad esempio la società tedesca Simens o la società polacca Godiva.

Video utile sull'argomento

Nel video puoi sentire l'opinione di uno specialista sui modelli più popolari di interruttori con diversi tipi di dimmer, oltre a suggerimenti per il collegamento.

Come installare un dimmer tastiera con le tue mani:

Informazioni sull'interazione di dimmer e lampade:

Il dimmer, con il quale è possibile modificare il livello di luminosità dell'illuminazione, è un dispositivo comodo che consente di creare un'atmosfera accogliente nella stanza e ridurre il consumo di energia. La gamma presentata di prodotti simili è piuttosto ampia. Per non sbagliare nella scelta, è necessario tenere in considerazione la potenza delle lampade con cui sarà combinato, le caratteristiche di design del dispositivo, la sua collocazione pianificata, così come l'aspetto del dispositivo.

Regolazione della luminosità del LED. Tutto su dimmer per lampade a LED

Il dimming dalla lingua inglese è tradotto come "blackout". Cosa è un dimmer, cosa sono e dove altro può essere usato, lo diremo in questo articolo. Dall'inizio alla realizzazione finale. La domanda più importante è che è possibile utilizzare lampade a LED con un dimmer?

Cos'è un dimmer e perché è necessario?

Dimmer - un dispositivo elettronico in grado di regolare la potenza regolando la tensione fornita al carico. La definizione è molto secca e noiosa, spieghiamo il principio di funzionamento in un linguaggio più semplice.

La potenza dipende dalla tensione e dalla corrente nel carico. Ciò significa che se si riduce uno dei componenti per diminuire e alimentare. Tensione e corrente sono collegate dalla legge di Ohm e quindi è possibile ridurre la potenza del dispositivo (luminanza) aumentando la resistenza totale del carico. Cioè, utilizzare resistenze di zavorra, strozzatori o condensatori.

Assorbitori di zavorra: convertono l'energia in eccesso in calore e hanno una bassa efficienza. Per regolare la potenza del dispositivo, nel nostro caso la luminosità della lampadina, è necessario un altro dispositivo - un dimmer.

Posso collegare le lampade a LED tramite un dimmer? Puoi. Ma non tutti saranno regolati costantemente. Abbiamo bisogno di speciali lampade a LED per dimmer.

Lampade a LED, dimmer regolabile, adatto per l'uso con qualsiasi regolatore. Ma ci sono alcune sfumature nel tipo di regolazione della tensione. Questo è determinato dal circuito dimmer, le differenze saranno descritte in dettaglio nelle sezioni seguenti dell'articolo. Dipende dal tipo di dimmer quanto bene verrà regolato il LED.

Che tipo di lampade a LED posso usare con un dimmer? In questa materia, tutto è estremamente individuale. Tutto dipende dallo schema del bulbo stesso e dagli schemi del regolatore. In generale, le cosiddette lampade a LED dimmerabili sono eccezionali.

Cosa sono i dimmer

I controller di alimentazione possono essere suddivisi in due grandi gruppi:

  • Per lavori in circuiti di tensione alternata (220 V);
  • per funzionamento in circuiti a tensione costante (per strisce LED a 12 V).

Nelle punte anche bisogno di un regolatore, per regolare la velocità, si trova nel pulsante.

Può essere utilizzato per vari scopi, in questo elenco si trovano per popolarità:

  1. Regolazione della luminosità della luce, dimming LED e lampade ad incandescenza;
  2. regolazione della temperatura dell'elemento riscaldante in vari riscaldatori;
  3. regolazione delle spire del motore del collettore.

Quali sono le differenze dimmer?

Se si intende utilizzare un interruttore con controllo della luminosità, è innanzitutto necessario sapere quali sono. E in generale, tutte le lampade a LED sono dimmerabili?

I dimmer differiscono nei seguenti criteri:

  • Per tipo di installazione;
  • sul metodo di esecuzione e controllo;
  • a titolo di regolamento.

Diamo un'occhiata più in dettaglio a ciascuno di essi.

Per tipo di installazione

Per installazione esterna - interruttore di superficie con dimmer per lampade a LED. Per installare un dispositivo del genere, non è necessario forare una nicchia nel muro, è semplicemente montato sulla parte superiore del muro. È molto comodo da usare nei casi in cui l'interno non è prioritario o il cablaggio esterno è posto.

Per installazione interna, si adattano perfettamente a qualsiasi ambiente come questo.

Per il montaggio su guida DIN, sono molto specifici e all'inizio potrebbe sembrare che non siano pratici. Tuttavia, questo controllo dell'illuminazione per lampade a LED funziona con un telecomando, mentre è nascosto da occhi indiscreti nel quadro elettrico.

Dalla prestazione

Secondo il design, il dimmer per LED e lampade a incandescenza può essere:

  • girando;
  • tipo a spinta rotativa;
  • pulsante;
  • toccare;

Rotary - una delle opzioni più semplici per regolare la luminosità della lampada a LED, sembra semplice ha la più semplice funzionalità.

Inclinare-gira sembra quasi come girare. Grazie al suo design, quando si fa clic su di esso, la luce si accende con la luminosità impostata all'ultima accensione.

Il pulsante per l'illuminazione a LED sembra più tecnologicamente e tecnicamente adatto ad un appartamento moderno. Come ad esempio questo dimmer per lampade a LED.

I modelli sensoriali possono essere completamente diversi - dai cerchi luminosi, fino ai pannelli monocromatici per regolare la tensione delle lampade a LED.

A titolo di regolazione

I dimmer sono diversi non solo nella loro esecuzione, ma anche nel principio di funzionamento. Ciò riguarda esattamente l'attenuatore AC.

Il primo tipo di dimmer è più comune e più economico, grazie alla semplicità del suo schema - è un dimmer con un cut-off lungo il bordo d'attacco (bordo d'attacco inglese). Un po 'più avanti verrà discusso in dettaglio il suo principio di funzionamento e lo schema, per confronto, osserverà il tipo di tensione all'uscita di un tale regolatore.

Il grafico mostra che il resto della semionda viene applicato al carico e il suo inizio viene interrotto. A causa della natura dell'inclusione del carico, nelle interferenze indotte dalla rete, che interferisce con il lavoro dei televisori e di altri dispositivi. La lampada viene alimentata con una tensione di un'ampiezza impostata, quindi si spegne quando la sinusoide passa attraverso lo zero.

È possibile utilizzare un dimmer leading edge per le lampade a diodi? Puoi. Le lampade a LED con un dimmer di questo tipo sono buone da regolare solo se sono state originariamente create per questo scopo. Questo è evidenziato dai simboli sul suo pacco. Sono anche chiamati in grigio.

Il secondo tipo funziona in modo diverso, crea meno rumore e funziona meglio con diverse lampadine - è un dimmer con un cut-off lungo il bordo discendente.

La regolazione delle lampade a LED con dimmer di questo tipo è migliore e il suo design supporta meglio sorgenti luminose non dimmerabili. L'unico inconveniente è che queste lampade possono regolare la loro luminosità non da "zero", ma in un certo intervallo. Allo stesso tempo, le lampade a LED dimmerabili sono semplicemente regolate in modo ottimale.

La soluzione migliore è utilizzare il dimmer Falling Edge per luci a LED.

Si può dire una sola parola sulle lampade a LED finite con luminosità regolabile. Questa è una classe separata di dispositivi di illuminazione che non hanno bisogno di installare regolatori aggiuntivi, ma averli nel loro design. Le loro regolazioni vengono effettuate utilizzando i pulsanti sulla custodia o dal telecomando.

Circuiti dimmer

Dimmer per tensione 220V, con cut-off sul bordo d'attacco, funziona secondo il principio del controllo della tensione a impulsi di fase. Nel processo di lavoro, gli elementi di un tale dimmer applicano tensione al carico in determinati momenti, tagliando parte della sinusoide. Dettagliato e più chiaramente raffigurato nei grafici.

L'area di una sinusoide ombreggiata in grigio è l'area della tensione o il suo valore effettivo, che viene alimentato al carico (una lampada o qualsiasi altro dispositivo descritto sopra).

La linea tratteggiata rossa mostra la forma della tensione all'ingresso del dimmer per le lampade a led. In questa forma, è alimentato attraverso un interruttore convenzionale senza regolazioni.

Come collegare i LED attraverso il dimmer?

Le valutazioni dei componenti e tutte le informazioni sono mostrate sul circuito del dimmer.

Il dispositivo è installato in una rottura del cavo che va a una fonte di luce, motore, PETN o qualsiasi altro dispositivo.

La logica del circuito è la seguente: il condensatore C1 viene caricato attraverso la catena R1 e il potenziometro R2. A seconda della posizione del potenziometro, il condensatore viene caricato sulla tensione di apertura del dinamo VD1.

Il circuito ha usato il dinamo DB3, che è circa 30V. Attraverso il dynistor aperto, un triac di apertura del triac (tiristore bidirezionale) viene applicato al suo elettrodo di controllo.

Quanto maggiore è la resistenza mostrata dalla manopola del potenziometro, tanto più lungo è il tempo in cui il condensatore si carica, tanto più tardi si apre il circuito del transistor e la tensione si riduce al diminuire della maggior parte dell'onda sinusoidale. E viceversa - meno resistenza - più tensione all'uscita del regolatore.

Su Internet ci sono molte opzioni per schemi con tutti i tipi di modifiche, sono tutti buoni. Ecco lo schema più semplice, la figura mostra l'installazione di questa versione dello schema.

Come regolare l'illuminazione a LED

Che tipo di lampadine posso usare con un dimmer? Quando si usavano principalmente lampade a incandescenza per l'illuminazione, tutto era semplice: un dimmer regolare poteva facilmente far fronte al controllo della luminosità.

Le lampadine a incandescenza sono state sostituite da casalinghe fluorescenti a risparmio energetico, non potevano essere regolate affatto. Naturalmente, sono stati rilevati reattori elettronici per lampade fluorescenti tubolari con possibilità di oscuramento, ma erano estremamente rari e costosi.

Ora le lampade a risparmio energetico vengono sostituite da LED. Il processo di emissione di quanti di luce, sebbene complicato, è, dal punto di vista della regolazione, forse più semplice della regolazione delle sorgenti di luce a scarica di gas.

Lampade a LED dimmerabili - che cos'è?

Cosa significa lampada LED dimmerabile? Questa è una lampadina che può essere oscurata utilizzando QUALSIASI dimmer progettato per corrente alternata o continua (a seconda del tipo).

Nel suo schema di potenza incorporato la funzione di cambiare la luminosità, a seconda della tensione di alimentazione. Le lampade a LED dimmerabili funzionano con circuiti dimmer come quello mostrato sopra.

Il dimmer principale regola la tensione fornita. Ciò significa che a qualsiasi valore di tensione, nell'intervallo determinato dal produttore (indicato sulla scatola dalla lampadina), il circuito della lampada tenderà a mantenere la corrente specificata. La luminosità a sua volta dipende dalla corrente.

Le lampade a LED normali non possono essere regolate, nella migliore delle ipotesi, si accenderà e spegnerà semplicemente, nel peggiore dei casi - brucerà a valori bassi impostati sul dimmer.

Nelle lampadine a LED più economiche c'è un condensatore di smorzamento. Se devono essere regolati, quindi solo entro limiti molto stretti, significa che anche loro non si adattano. Un esempio di oscuramento delle normali lampadine a LED guarda il video.

Lampadine a LED dimmerabili a 220 Volt

La regolazione della luminosità delle lampade a LED da 220 V è difficile, poiché su un driver specializzato è installato un circuito di stabilizzazione corrente. Il suo compito è di stabilizzare la corrente di uscita, per garantire un'illuminazione uniforme e lunga dei LED, indipendentemente dai valori della tensione di alimentazione.

Le lampade a LED convenzionali non sono molto dimmerabili. Per scegliere la giusta lampada a LED per dimmer, è necessario studiare attentamente le descrizioni e i simboli sulla scatola e sull'alloggiamento della lampadina.

Le lampade a LED con oscuramento possono essere riconosciute dalla scritta: "per dimmer", "regolabile" o qualcosa di simile, forse verrà disegnata un'immagine dimmer convenzionale, come negli esempi qui sotto.

È possibile regolare la luminosità delle lampadine LED a corrente continua?

Sulla foto led dimmer per 12V led strip. Capiamo come funziona questo dimmer con le lampade a LED.

Per i circuiti CC, il principio di funzionamento del regolatore è diverso. Qui, un transistor bipolare o ad effetto di campo viene utilizzato come elemento di misurazione e un generatore di impulsi a servizio variabile viene utilizzato come dispositivo di misurazione.

Il metodo di questo controllo è chiamato modulazione della larghezza di impulso (PWM). Per capire come funziona, devi leggere i grafici.

Vcc è la tensione all'ingresso del dimmer della corrente continua, la media V è la tensione all'uscita. Puoi vedere come cambia lo stress medio. Man mano che la durata dell'impulso aumenta e la lunghezza della pausa diminuisce (aumentiamo il fattore di riempimento), la tensione di uscita aumenta.

Sopra è riportato uno schema circuitale del "Controllo della luminosità PWM delle lampade a LED sul NE555". Può fungere da dispositivo per l'attenuazione dei LED. Funziona come segue:

NE555 è un temporizzatore collegato qui in un modo generatore di impulsi, la cui frequenza e durata è data da un circuito RC costituito da R2, potenziometro R1 e condensatore C5, come nello schema precedente, il potenziometro controlla la velocità di carica del condensatore, in accordo con la velocità di carica.

Inizialmente, il circuito produce impulsi simmetrici, cioè la lunghezza della pausa è uguale alla lunghezza dell'impulso. Ma a causa della presenza di un potenziometro e una catena di due diodi VD1 e VD2, la capacità viene caricata e ricaricata attraverso diverse resistenze del potenziometro, o meglio attraverso diverse coppie dei suoi contatti.

Pertanto, gli impulsi regolabili PWM sono formati con una frequenza costante, ma fattore di riempimento variabile.

Se lo si utilizza in un'automobile o per oscurare una striscia LED, è possibile escludere un ulteriore alimentatore da 9 volt basato su uno stabilizzatore lineare 7809 e fornire energia al primo punto dopo di esso nel diagramma.

Ma foto di dimmer fatti in casa per i LED, se necessario - è possibile copiare la posizione delle tracce e ripeterla. O assemblare su una breadboard.

Un video di come l'attenuazione delle luci a LED funziona con questo schema, utilizzando l'esempio di un nastro bagliore laterale, si trova sotto.


Con questo circuito è possibile attenuare i circuiti LED su 12V e su qualsiasi altro carico CC. Ad esempio, regola la velocità del refrigeratore per PC, motori di raccolta, riscaldatori, in generale, tutto ciò che pensi. In uno degli articoli abbiamo già parlato di creare un dimmer LED con le nostre mani.

Quale dimmer è necessario per le lampadine a LED?

Per scegliere un dimmer per lampade a LED e assicurarne la compatibilità, è prima necessario decidere quali lampade utilizzare. Se si prevede di acquistare lampadine a LED da 220 V, i dispositivi a impulso di fase, discussi all'inizio dell'articolo, sono adatti a questo scopo. Prendi il modello con un cut-off sul bordo in caduta.

Per le lampade CC a bassa tensione (ad esempio, 12V, utilizzate nei faretti, nell'illuminazione da tavolo o nelle lampade per auto), qualsiasi controller PWM o dimmer per strisce LED funzionerà. Tutti lavorano sul principio della modulazione della larghezza dell'impulso, la regolazione lineare è già lontana nel passato.

È anche meglio acquistare lampade speciali a LED sotto il dimmer. Sebbene siano più costosi, non ci saranno problemi con la loro regolazione. Creerai la soluzione di illuminazione desiderata solo se scegli il dimmer giusto e le lampade a LED per esso.

Condividi nei commenti la tua esperienza regolando la luminosità dei LED e delle luci LED!

Come selezionare e collegare un dimmer (dimmer)

Un interruttore con dimmer (chiamato anche dimmer) è un dispositivo progettato per regolare i parametri di illuminazione. Il dispositivo consente di modificare la luminosità della luce nell'intervallo da 0 al 100% del valore nominale.

I dimmer possono essere utilizzati in sostituzione di un interruttore convenzionale, pur avendo funzionalità molto più grandi.

Dimmer assegnazione

Il compito del dimmer è quello di fornire un cambiamento nella luminosità dei dispositivi di illuminazione. Gli interruttori della luce regolabili consentono di ottenere qualsiasi intensità di illuminazione: dalla luce fioca a estremamente luminosa. L'uso di dimmer rende inutili gli interruttori doppio o triplo, non è necessario acquistare costosi apparecchi di illuminazione con regolatori di tensione.

Fai attenzione! Per controllare l'intensità della luce delle lampadine a risparmio energetico, è necessario un dispositivo speciale: un avviatore elettronico.

I vantaggi dei dimmer includono le seguenti caratteristiche:

  • controllo della luminosità della luce;
  • impostare l'ora del cambio di luminosità;
  • telecomando;
  • lunga durata
  • luccichii programmati, creando quadri con la luce;
  • efficienza energetica (alcuni modelli).
  • consumo eccessivo di energia elettrica in alcuni casi;
  • creare interferenze radio che interferiscano con il funzionamento di apparecchi elettrici;
  • piccoli carichi provocano dimmer malfunzionanti;
  • L'operazione attenuata porta spesso a sfarfallio della luce indesiderato.

Principio di funzionamento

Tutti i modelli dimmer hanno schemi di controllo dell'illuminazione simili. Le differenze risiedono nella presenza di elementi aggiuntivi per dare un bagliore liscio e la stabilità dei limiti inferiori.

La figura seguente mostra lo scopo delle colonne del terminale nel dimmer.

Il condensatore si carica attraverso un resistore variabile. Non appena la carica diventa sufficiente, il triac si apre e la luce si accende. Dopo ciò, il triac si chiude. Sulla semionda negativa si osserva un processo simile.

La figura seguente mostra uno schema dell'azione dell'interruttore con intensità della luce regolabile.

Selezionando i valori di resistori e condensatori, sostituisce i periodi iniziale e finale di accensione della lampada, nonché la stabilità della sua luminescenza.

Classificazione del dimmer

Esistono due tipi di dimmer: monoblocco e modulare. I sistemi monoblocco vengono eseguiti come una singola unità e sono concepiti per l'installazione in una scatola come un interruttore. A causa delle loro dimensioni ridotte, i dimmer monoblocco sono apprezzati quando installati in partizioni sottili. Lo scopo principale dei sistemi monoblocco - appartamenti in grattacieli.

Esistono diversi tipi di dispositivi monoblocco sul mercato:

  1. Con regolazione meccanica. Il controllo viene eseguito utilizzando un disco rotante. Tali dimmer hanno un design semplice e basso costo. Invece di un metodo di controllo orientabile, a volte viene utilizzata l'opzione push.
  2. Con controllo a pulsante. Questi sono meccanismi tecnicamente più complessi e funzionali. La multifunzionalità si ottiene raggruppando i regolatori, controllati da un telecomando.
  3. Modelli sensoriali. Rappresenta i dispositivi più avanzati e i più costosi. Tali sistemi si adattano bene all'interno, specialmente decorato in uno stile moderno. I comandi vengono trasmessi via infrarossi o radiofrequenza.

I sistemi modulari sono simili agli interruttori di circuito. Sono collocati in scatole di derivazione su guide DIN. I dispositivi modulari sono utilizzati per illuminare scale e corridoi. Inoltre, i sistemi modulari sono popolari nelle case private, dove è necessario coprire l'area circostante. I dimmer modulari sono controllati da un pulsante remoto o un interruttore a chiave.

La potenza dimmer è un parametro chiave quando viene selezionata. La potenza totale dei dispositivi collegati non deve superare questa cifra sul dimmer. I sistemi sono disponibili per le vendite tra 40 watt e 1 kilowatt.

Per caratteristiche di design si distinguono le modifiche singole, doppie e triple. Nella maggior parte dei casi, i consumatori scelgono i dimmer singoli.

Funzionalità aggiuntive

I vecchi dimmer venivano eseguiti come dispositivi elettromeccanici. Con il loro aiuto, non si poteva fare nulla se non per regolare la luminosità delle lampadine a incandescenza.

I modelli moderni hanno funzionalità significativamente migliorate:

  1. Funzionamento del timer.
  2. La possibilità di incorporare il dimmer in un sistema più grande - "casa intelligente".
  3. Dimmer, se necessario, consente di creare l'effetto della presenza dei proprietari nella casa. La luce si accenderà e spegnerà in stanze diverse secondo un determinato algoritmo.
  4. La funzione dello scintillio artistico. Allo stesso modo, le luci sulle luci dell'albero di Natale lampeggiano.
  5. La possibilità del sistema di controllo vocale.
  6. I comandi standard sono forniti dal telecomando.

Tipi di lampadine

Nei dimmer utilizzare una varietà di tipi di fonti di luce: lampadine a incandescenza, alogene (convenzionale e bassa tensione), fluorescenti, LED. Le opzioni di connessione dimmer con un interruttore variano a seconda del tipo di lampade utilizzate.

Lampadine ad incandescenza e alogene

Queste sorgenti luminose sono valutate a 220 volt. Per modificare l'intensità dell'illuminazione, vengono utilizzati dimmer di qualsiasi modello, poiché il carico è tutto attivo a causa dell'assenza di capacità e induttanza. La mancanza di sistemi di questo tipo - lo spostamento dello spettro dei colori nella direzione del rosso. Questo succede in caso di diminuzione della tensione. La potenza del dimmer è compresa tra 60 e 600 watt.

Lampadine alogene a bassa tensione

Per lavorare con lampade a bassa tensione, è necessario un trasformatore step-down con regolatore per carichi induttivi. Una caratteristica distintiva del regolatore è l'abbreviazione RL. Si consiglia di acquistare un trasformatore non separato dal dimmer, ma come un dispositivo integrato. Per un trasformatore elettronico stabilire indicatori capacitivi. Per le sorgenti luminose alogene, la scorrevolezza delle fluttuazioni di tensione gioca un ruolo importante, altrimenti la durata di vita delle lampadine diminuirà drasticamente.

Lampade fluorescenti

Il dimmer standard dovrà essere sostituito con un reattore elettronico (alimentatore elettronico), se viene avviato da un interruttore, una carica di accensione a incandescenza o un induttanza elettromagnetica. Lo schema più semplice di un sistema con lampade fluorescenti è mostrato nella figura seguente.

La tensione sulla lampadina viene inviata dalla frequenza del generatore 20-50 kHz. Il bagliore si forma a causa dell'entrata nella risonanza del circuito creato dallo strozzamento e dalla capacità. Per cambiare la corrente (che cambia la luminosità della luce) è necessario cambiare la frequenza. Il processo di attenuazione inizia immediatamente dopo aver raggiunto la piena potenza.

Il controllo elettronico è realizzato sulla base del controller IRS2530D, dotato di otto pin. Questo dispositivo funziona come un driver a 600 volt a mezzo ponte che ha la funzionalità di avviare, attenuare e prevenire guasti. Il circuito integrato è progettato per l'implementazione di tutti i possibili metodi di controllo, grazie alla presenza di più uscite. La figura seguente mostra il circuito di controllo per sorgenti luminose fluorescenti.

Lampadine a LED

Sebbene i LED siano economici, è spesso necessario ridurre la luminosità del loro bagliore.

Caratteristiche delle sorgenti luminose a LED:

  • basi standard E, G, MR;
  • possibilità di funzionamento con una rete senza dispositivi aggiuntivi (per lampade a 12 volt).

Le lampadine a LED sono incompatibili con i dimmer standard. Semplicemente falliscono. Pertanto, per lavorare con i LED utilizzare interruttori speciali con controlli di luminosità per lampade a LED.

I regolatori adatti ai LED sono disponibili in due versioni: con controllo di tensione e con controllo della modulazione dell'ampiezza dell'impulso. Il primo tipo di dispositivi è molto costoso e di grandi dimensioni (include un reostato o un potenziometro). I dimmer di tensione con variazioni di tensione non sono la scelta migliore per le lampadine a bassa tensione e sono in grado di funzionare solo a 9 e 18 volt.

Questo tipo di sorgente luminosa è caratterizzato da un cambiamento nello spettro come reazione alla regolazione della tensione. Per questo motivo, la regolazione dei diodi luminosi viene eseguita controllando la durata degli impulsi trasmessi. Quindi è possibile evitare lo sfarfallio, poiché la frequenza di ripetizione degli impulsi raggiunge i 300 kHz.

Che la lampada funzionasse correttamente, in essa c'è un autista. La possibilità di oscuramento è indicata nel passaporto del prodotto. Se la regolazione non è possibile, si consiglia di acquistare dispositivi speciali con regolazione della larghezza dell'impulso.

Esistono tali regolatori con PWM:

  1. Modulare. Il controllo viene eseguito da telecomandi, telecomandi o pneumatici speciali.
  2. Installato nella scatola di installazione. Utilizzato sotto forma di interruttori con controllo rotativo oa pulsante.
  3. Sistemi remoti installati nelle strutture del soffitto (per strisce LED e faretti).

Per il controllo della larghezza degli impulsi, sono necessari costosi microcontrollori. E non sono soggetti a riparazioni. Forse la produzione indipendente di dispositivi basati sul chip. Di seguito è riportato uno schema dimmer per luci a LED.

La normale frequenza di oscillazioni è ottenuta attraverso l'uso di un generatore, che include un condensatore e un resistore. Gli intervalli di connessione e disconnessione del carico all'uscita del chip sono impostati dalla dimensione del resistore variabile. Come amplificatore di potenza serve come transistor ad effetto di campo. Se la corrente è superiore a 1 amp, è necessario un radiatore di raffreddamento.

Connessione dimmer

Esistono diversi schemi di connessione dimmer.

Circuito di regolazione con interruttore

In questo caso, il dimmer si trova davanti al dimmer nello spazio vuoto. L'interruttore controlla il flusso di corrente. Lo schema elettrico è mostrato nella figura seguente.

Dall'interruttore, la corrente è diretta al dimmer e da lì alla lampadina a incandescenza. Di conseguenza, la manopola determina il livello di luminosità desiderato e un interruttore è responsabile dell'accensione e spegnimento della catena.

Il layout è adatto per le camere da letto. L'interruttore è posizionato vicino alla porta e il dimmer è posizionato vicino al letto. In questo modo, si ottiene la capacità di controllare la luce direttamente dal letto. Quando una persona lascia la stanza, le luci si spengono e quando ritornano nella stanza, le luci si accendono con le caratteristiche impostate dal dimmer.

Schema di collegamento con due dimmer

In questo schema, ci sono due interruttori della luce liscia. Sono montati in due punti della stessa stanza e sono essenzialmente interruttori passanti che controllano i singoli apparecchi di illuminazione.

Lo schema prevede il collegamento di tre conduttori alla scatola di giunzione da ciascun punto. Per collegare i dimmer, i ponticelli collegano il primo e il secondo pin nei dimmer. Quindi, la fase che porta al dispositivo di illuminazione attraverso il terzo contatto del secondo dimmer viene inviata al terzo contatto del primo dimmer.

Interruttori automatici a due vie

Questo schema è usato abbastanza raramente. È richiesto l'organizzazione del controllo dell'illuminazione nelle stanze d'ingresso e nei lunghi corridoi. Lo schema consente di accendere e spegnere la luce, nonché la sua regolazione da diverse parti della stanza.

Gli interruttori di passaggio inseriscono una differenza di fase. Contatti collegano i conduttori. Il dimmer entra in catena in modo sequenziale, dopo uno degli interruttori. La fase che arriva al primo contatto passa quindi alla lampada a incandescenza.

Il controllo della luminosità è un dimmer. Tuttavia, si tenga presente che quando il regolatore è spento, gli interruttori passanti non sono in grado di accendere le lampadine.

Requisiti di installazione per il dimmer

Quando si installa un dispositivo di controllo della luce, è necessario prestare attenzione a diverse circostanze importanti:

  1. Le lampade fluorescenti ea risparmio energetico non sono regolabili in modo standard. Entrambi i tipi di lampadine sono in grado di funzionare con un dimmer, ma il loro tempo di funzionamento è drasticamente ridotto. A volte la vita della lampadina si riduce a 100-150 ore. Inoltre, aumenta il rischio di rottura e il dimmer stesso.
  2. I dimmer necessitano di un determinato carico minimo. Molto spesso, il suo valore è 40 watt. La diminuzione del carico è dovuta al burnout di una delle lampadine, al deterioramento dei contatti, alla comparsa di scintillazioni con una frequenza di 50 hertz. Quando il carico scende al di sotto del minimo consentito, il sistema di protezione viene attivato o il dispositivo si trova in una condizione di guasto.
  3. I dimmer sono sensibili alle condizioni di temperatura ambientale. A temperature superiori a 25 gradi è possibile il surriscaldamento, che è irto di rottura del dimmer.
  4. Non superare il carico massimo consentito sul dispositivo. Se necessario, si consiglia di aggiungere amplificatori di potenza, con l'aiuto di quali dispositivi possono essere commutati fino a 1,8 kilowatt.
  5. È impossibile collegare simultaneamente carichi capacitivi e induttivi. Questo è irto di guasti del dispositivo.

Per quanto riguarda il luogo di installazione, gli esperti consigliano di procedere dalle seguenti informazioni:

  1. Non installare i dimmer in stanze dove solitamente ci sono molte persone. In luoghi affollati, le apparecchiature funzionano con il rumore.
  2. È necessario evitare l'installazione di dimmer in stanze in cui non vi è posto permanente per l'installazione di apparecchi di illuminazione.

Installazione di interruttori

In termini di dimensioni, l'interruttore di regolazione della luminosità assomiglia a un dispositivo standard per accendere e spegnere la luce. L'installazione dimmer viene eseguita utilizzando zampe speciali nello spazio della catena di illuminazione. Il requisito fondamentale per l'installatore è di osservare la polarità.

La figura seguente mostra lo schema di collegamento dimmer.

Come collegare due dimmer possono essere trovati nel seguente diagramma.

Se è necessario installare un dimmer invece di uno switch, è necessario prima smantellare il modello del vecchio modello. Ma anche prima, la rete elettrica dovrebbe essere diseccitata e l'assenza di tensione dovrebbe essere controllata usando un indicatore. Per rimuovere il vecchio interruttore, prendere il cacciavite e svitare le viti delle alette di montaggio. Quindi, rimuovere il pannello del dispositivo. Quindi allentare le viti sui terminali e scollegare l'interruttore dai fili.

Il prossimo passo è installare un dimmer. L'installazione viene eseguita nell'ordine inverso come descritto sopra durante lo smontaggio. Dopo aver installato il dimmer sul fondo, fissarlo con le viti e impostare la cornice decorativa. Se è necessario regolare l'illuminazione in più punti, saranno necessari ulteriori dimmer e l'installazione di una scatola plug-in con cavo di posa.